Eliminazione muffe: esiste una soluzione definitiva ad un problema che ricompare sempre?

Ogni anno lo stesso problema: l’eliminazione muffe dagli ambienti domestici sembra essere proprio un’impresa ardua e difficile da risolvere.

Questo accade perché le muffe nella tua casa trovano le condizioni adatte per svilupparsi.
Alta umidità, scarsa ventilazione e temperature elevate, permettono alle sue spore invisibili di crescere indisturbate.

Il problema della muffa può essere davvero frustrante per i tanti tentativi che hai provato ma senza risultati duraturi nel tempo.
Inoltre costituisce un reale pericolo per la tua salute, dovuto alle sue spore tossiche.

Se poi utilizzi prodotti tossici anche per cercare di risolvere, le ripercussioni sulla salute possono essere maggiori.

Non ti preoccupare, la soluzione definitiva alla muffa esiste!
Fai in modo che tutto quanto fatto e provato sino ad ora, riguardi solo il passato.

Al tuo futuro senza muffa, ti aiuterò io 😉

La tua missione: l’eliminazione delle muffe


Con puntini, angoli o strisciate annerite, la tua priorità dovrà essere quella dell’eliminazione delle muffe, il prima possibile.
Sennò il problema si allargherà, causando guai seri 🙁

Infatti, quando ormai il problema della muffa è ormai in piena diffusione, ci vorrà più:

  • fatica per eliminare la muffa da una superficie più vasta;
  • spesa per un problema maggiore rispetto ad un singolo puntino;
  • tempo da impiegare per trattare zone più estese .

La muffa compare quando c’è:

  • condensa dovuta all’alta umidità negli ambienti;
  • scarsa o totale mancanza di ventilazione;
  • perdite di acqua sia all’interno che all’esterno della casa;
  • mancato o insufficiente isolamento soprattutto interno.


Agire contrastando queste condizioni, può aiutarti a scongiurare la venuta della muffa e prevenire così il suo ritorno.

Come avviene l’eliminazione delle muffe

Una serie di fasi determina l’eliminazione delle muffe e delle sue spore.
Ecco quali sono una per una.

Utilizza i dispositivi di protezione

La muffa è tossica e può farti stare molto male, se “maneggiata” senza alcuna precauzione.
E’ fondamentale quindi indossare tutti gli strumenti che hai per proteggerti dal nemico: maschera protettiva, occhiali e guanti.

Se utilizzi candeggina o spruzzini tossici per tentare di igienizzare la muffa, dovrai proteggerti, per evitare eventuali intossicazioni.

Elimina le muffe con prodotti non tossici

Il trattamento igienizzante è il primo passaggio operativo per l’eliminazione delle muffe.
Serve a prevenire il “riassestamento delle spore” sulle superfici e sui muri che, proprio lì, possono svilupparsi.

In commercio ci sono prodotti atossici, addirittura naturali, in grado di igienizzare la muffa e le sue spore dannose.

In questo modo, salvi la tua salute in primis e l’ambiente, da quelle che sennò sarebbero state sostanze irritanti e velenose per l’organismo.
Puoi inoltre evitare di spalancare le finestre in pieno inverno perchè odori molesti non ce ne sono!

Visto che puoi disinfettare senza intossicarti con la candeggina (o con spruzzini miracolosi che la contengono), fallo!
La candeggina tra l’altro rimuove solo il nero superficiale della muffa per le sue caratteristiche sbiancanti, ma non arriva in profondità.

In questo modo, le spore radicate nel muro rimangono attive e in grado di “risvegliarsi” al ripristino delle condizioni favorevoli. E questo può accadere anche nel giro di pochi giorni appena. in pieno inverno

Approfondimento: kit BLOCCA MUFFA per igienizzare naturalmente

Blocca subito la muffa e igienizza i muri con il nostro KIT BLOCCAMUFFA


Come prevenire il ritorno

La pittura antimuffa non previene il ritorno della muffa, purtroppo.

Con il termine antimuffa si intende una pittura che al suo interno contiene un biocida.
Il biocida nelle pitture antimuffa è una sostanza per lo più tossica che ha la funzione di eliminare tutto quanto di vivente c’è sui tuoi muri.

Purtroppo la bassissima percentuale di sostanza attiva del biocida (che deve rientrare nei limiti previsti dalla legge), di fatto, non fa nulla o quasi contro la muffa.

La prova?
La muffa ritorna anche nel giro di poco tempo (settimane o al massimo mesi).

Le pitture antimuffa non intervengono sulle cause che permettono lo sviluppo della muffa e per questo prosegue disturbata invadendo muri, pareti e superfici umide.
E così ritorni ad avere il problema, nonostante tutto 🙁

L’unico modo per evitare il ritorno della muffa, una volta igienizzate le muffe, è coibentare.
Coibentare vuol dire eliminare ponti termici e migliorare l’isolamento domestico, soprattutto interno.
Eviterai così spiacevoli ricomparse, magari nel giro di poche settimane.

Bastamuffa con i suoi trattamenti è in grado di isolare internamente la tua casa in tutta sicurezza, con prodotti atossici e sicuri per la salute.

—->Il kit bloccamuffa è il primo step che ti permette di iniziare bloccando la muffa e igienizzandola.

Cosa fare dopo l’eliminazione delle muffe?


Una volta eliminate le muffe, nell’attesa di una coibentazione che ne determini la fine della proliferazione, ecco alcuni consigli utili.

Si tratta di vere e proprie buone abitudini che si possono adottare anche dopo aver isolato opportunamente gli ambienti domestici.

A costo quasi zero (se non per l’acquisto di eventuali apparecchiature), poca fatica, ecco cosa puoi cercare di fare:

  • aumentare la ventilazione in casa aprendo le finestre anche per pochi minuti, in pieno inverno e magari più volte al giorno;
  • controllare se le prese d’aria degli aeratori, griglie o altri materiali non siano bloccate e procedere, se serve alla pulizia;
  • evitare bruschi sbalzi di temperatura in casa, anche tra i singoli ambienti; 
  • se ci sono perdite di acqua, attivati per risolverle subito appena scoperte;
  • asciugare il bucato fuori il più possibile o utilizzare un’asciugatrice;
  • accendere il deumidificatore con parsimonia: molto utile per tenere sotto controllo l’umidità ma se c’è muffa procedere cautamente e solo dopo aver opportunamente igienizzato, per evitare una contaminazione.
  • arieggiare dopo aver fatto la doccia o aprire la porta del bagno aperta per evitare l’accumulo di condensa.

In conclusione

Avere muffa in casa è un vero e proprio dramma.

Ogni volta ti ha obbligato a pulirla appena ricompariva e successivamente a ritinteggiare tutto, spostando mobili e vestiti e rubandoti il tuo tempo.
Quello che avresti potuto trascorre in altro modo, ben più piacevole.

Riesci ad immaginare di toglierti per sempre i disturbi causati dalla muffa?
Ora sai come fare.

Con i prodotti giusti prodotti, le dovute accortezze e con una coibentazione interna che ti da BASTAMUFFA, puoi rendere il tuo sacrificio per risolvere ORA un investimento di tempo, denaro e salute senza eguali.
Riprendi in mano la tua vita 🙂

Io sarò qui ad aiutarti, affinché questa visione diventi la tua realtà 😉

A presto,
Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali e l'eliminazione muffe



Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su