FAQ Domande Frequenti sulla Muffa

La muffa è organismo vivente che fa parte delle oltre 100 000 specie conosciute del Regno dei Funghi.

In quanto essere vivente ha un proprio ciclo vitale.

Il tutto parte da una singola spora che è presente naturalmente nell’aria, come i virus e i batteri.

In quanto essere vivente:

  • ❗ si nutre di sostanze organiche che trova su superfici che presentano determinate condizioni di umidità e temperatura
  • ❗ cresce e si sviluppa creando nuove spore, le quali a loro volta possono produrne altre.

La muffa che vedi sui tuoi muri non è altro che l’insieme di una miriade di spore che hanno trovato sulle tue superfici murarie, nutrimento per crescere e formarne tantissime.

La muffa si può bloccare utilizzando igienizzanti idonei e atossici, evitando di aggiungere altre azioni tossiche oltre alla muffa stessa, che di danni alla salute già ne fa tanti.

La soluzione definitiva è andare ad intervenire su quelle che sono le cause scatenanti la muffa.

Si contano circa 10.000 specie di muffe.

Per ceppi si intendono le “famiglie” che ne fanno parte.

Le muffe in generale sono pericolose perché producono micotossine.

ceppi di muffe che risultano più pericolosi per la salute umana e per quella degli animali, che sarebbe quindi meglio “tenere alla larga”, sono:

  • ⛔ Aspergillus;
  • ⛔ Penicillium;
  • ⛔ Cladosporium;
  • ⛔ Phoma;
  • ⛔ Scopulariopsi;
  • Stachybotrys

Distinguerli, non risulta facile solo vedendone i puntini e le macchie formate.

Solo un’attenta analisi al microscopio, dopo un accurato prelevamento dall’ambiente che si vuole analizzare, può determinarne l’entità e le caratteristiche.

La muffa si forma in casa perchè è un organismo vivente che vive dove si presentano determinate condizioni climatiche.

L’ambiente domestico potrebbe essere il luogo adatto per permetterle di svilupparsi.

Come tutti gli esseri viventi ha un ciclo vitale: si trova nell’aria sottoforma di spore, si nutre se ci sono superfici che presentano determinate condizioni di umidità e temperatura utili per la crescita.

Si sviluppa tramite le spore e dalle spore ne genera altre e così via, fino a contaminare in questo modo, interi ambienti.

La muffa con questi presupposti si forma perché negli ambienti domestici trova QUELLE condizioni favorevoli che le permettono di vivere e progredire, fino a quando non si interviene eliminandone le cause.

Le cause che generano la muffa nelle nostre case, sono principalmente tre:

  • ✅ umidità 
  • ✅ condensa
  • ✅ temperatura

Si tratta di elementi utili per far sopravvivere e diffondere la muffa.

Con queste caratteristiche, le spore della muffa che sono presenti naturalmente nell’aria, riescono a trovare nutrimento in superfici fredde e umide.

Le specie di muffa altamente dannose per la salute dell’uomo prediligono umidità elevata e temperature basse.

Intervenire su questi fattori farà in modo di risolvere a monte il problema della muffa, evitando che si riformi.

Tra muffa e umidità c’è una relazione diretta: all’aumentare dell’una aumenta anche l’altra. L’umidità infatti contribuisce a creare le condizioni ideali e un “terreno fertile” dove la muffa si sviluppa velocemente.

La percentuale di umidità relativa consigliata all’interno della casa deve essere compresa tra il 40% e il 60%. Questi sono i valori ottimali per mantenere una buona qualità dell’aria e tutelate la salute delle persone che vi ci abitano.

L’umidità, cioè la quantità di acqua (o vapore acqueo) presente nell’aria si misura con l’igrometro. La scala dei valori dell’umidità va dallo 0 al 100%.

Quando l’aria all’interno della casa possiede un tasso di umidità elevato ed entra in contatto con una superficie più fredda si genera la condensa. Il vapore acqueo perciò si trasforma in piccole gocce che si posano sulla superficie di vetri, negli angoli freddi delle stanze dove ci sono ponti termici. 

Il ponte termico è una discontinuità costruttiva che genera dei varchi di dispersione termica verso l’esterno. Per le loro caratteristiche queste aree sono chiamate ‘punti freddi’ e si formano in genere vicino a finestre, spigoli e angoli. Nei pressi dei punti freddi si genera facilmente la condensa e di conseguenza la muffa.

La muffa che vedi è formata da migliaia di spore.
Pensa che una piccola macchiolina ne ha ben 50.000!

La muffa essendo un organismo vivente:
– nasce
– cresce
– si sviluppa

Tutto ciò avviene quando si presentano determinate condizioni climatico/
tmosferiche che permettono alle spore della muffa, naturalmente presenti nell’aria, di attaccarsi sulle superfici che rispecchiano dette condizioni.
Da quì parte e prosegue il ciclo vitale della muffa che, come tutti gli esseri viventi, mira al mantenimento della specie.

La muffa quindi, a partire dalla singola spora, arriva a produrne altre e così via.
Questo meccanismo genera per l’appunto, una contaminazione di spore.

Una contaminazione di spore è in atto quando c’è:

  • una superficie sulla quale attaccarsi.
    Ad esempio quando c’è un frutto ammuffito e vicino ce n’è uno “buono”, quest’ultimo rischia la contaminazione da parte del primo ammuffito,se non si interviene in maniera diversa.
  • trasferimento di spore tramite aria.
    Condizionatori, ventilatori, deumidificatori in un ambiente con muffa, fanno circolare spore in giro per l’ambiente e addirittura nelle stanze circostanti.

segnali che ci indicano l’eventuale presenza di muffa, sono tre:

  • ⚠ sentire l’odore
  • ⚠ poterla vedere
  • ⚠ sintomi che possono compromettere la salute

L’odore è spesso il primo segnale che puoi notare anche quando la muffa ancora non si vede, come capita spesso dietro agli armadi.

Ricorda molto l’odore di umido di quando ci si dimentica qualcosa di bagnato, nella borsa della palestra.

Risulta così penetrante e disgustoso che anche i deodoranti per ambienti possono non dare gli effetti sperati e non arrivare neanche minimamente a coprirlo.

La muffa è facilmente visibile nelle zone rivolte verso l’esterno con puntini e macchie, fino ad arrivare a strisciate e angoli anneriti.

In ultimo, la muffa può causare effetti dannosi per la salute.

Si tratta di reazioni date dal nostro organismo dopo l’avvenuto contatto con le spore tossiche della muffa.

Gli effetti possono essere dapprima saltuari e quasi confusi con sintomi influenzali come attacchi di tosse, naso che cola, occhi che lacrimano, ecc.

E se non si interviene tempestivamente contro la muffa, questi effetti possono perdurare, arrivando ad essere cronici, con molte più complicazioni per risolverli.

La candeggina è un rimedio per “pulire” macchie di muffa ma non impedisce la riformazione della muffa.

Viene usata molto spesso come soluzione contro la muffa per tre motivi:

  • ❌ toglie immediatamente la macchia 
  • ❌ è economica
  • ❌ ha delle proprietà igienizzanti

Purtroppo moltissime famiglie hanno una pessima esperienza con la candeggina.

Ecco gli effetti di un uso eccessivo nelle nostre case:

  • ❗ rilascia un pessimo odore nell’ambiente (è una sostanza chimica altamente tossica)
  • ❗ è pericolosa per la salute (si può finire intossicati al pronto soccorso)
  • ❗ rovina e consuma la vernice se applicata in maniera sistematica
  • ❗ la muffa ritorna…

Quando si utilizza la candeggina si pulisce solo la macchia visibile e se c’è un problema di condensa, la muffa si ripresenta in poco tempo.

CONSIGLIO: Non utilizzare candeggina nelle camere da letto e in ambienti dove si soggiorna.

Gli spray antimuffa sono nocivi per la salute. Contengono infatti l’ipoclorito di sodio, dei sottoprodotti del cloro e i biocidi

Come la candeggina inoltre anche gli antimuffa spray eliminano solo temporaneamente le macchie. Al ripresentarsi delle condizioni ideali per lo sviluppo delle spore, la muffa si ripresenterà più forte di prima.

Non appena però si ricreano le condizioni ideali che permettono alle spore di svilupparsi, la muffa cresce più estesa di prima!

Il biocida è una sostanza chimica oppure un microrganismo in grado di distruggere ogni organismo nocivo.

I biocidi però non sono efficaci contro la muffa in quanto:

  • non agiscono sulle cause che generano la muffa;
  • alcuni biocidi possiedono formulazioni a base acqua, che lascia le superfici umide, favorendo lo sviluppo delle muffe;
  • la maggior parte dei biocidi sono altamente tossici.

Il rimedio più utilizzato per bloccare la muffa è la pulizia con candeggina ma questo sistema ha due problemi :

  • ⚠ è pericolosa per la salute, soprattutto per i bambini
  • ⚠ è inefficace, in quanto dopo poche settimane la muffa si riforma

Ecco perchè è importante bloccare la diffusione della muffa prima che possa crearci problemi più gravi :

  • ❌economici (rifare il lavoro e continuare ad acquistare rimedi temporanei)
  • ❌di salute come allergie, raffreddori cronici ed asma. 

CONSIGLIO: utilizzare il trattamento disinfettante Bastamuffa a base di principi attivi naturali e 100% efficace contro la muffa.

Si può applicare molto facilmente in pieno inverno e a finestre chiuse, persino nella cameretta di un neonato.

Non contiene cloro o formaldeide ed è immediatamente attivo contro la muffa.

CONSIGLIO 2 : NON SOTTOVALUTARE mai un puntino di muffa per evitare ulteriori costi e rischi per la salute

Le spore della muffa sono tossiche e quando entrano in contatto con il nostro organismo combattono contro le nostre difese immunitarie e innescano così una reazione.

Finchè le spore in azione risultano “sotto controllo” e se l’organismo ospite risulta sano (senza patologie o allergie), potresti non accorgerti affatto della “lotta” tra le due parti.

Se le spore dovessero però aumentare di numero come in un ambiente contaminato, le risposte immunitarie del nostro organismo  potrebbero non essere sufficienti e manifestare così dei chiari segnali d’allarme.

Se i segnali non vengono interpretati in maniera corretta e non vengono quindi imputati alla muffa, confondendoli con reazioni allergiche e stati influenzali, il rischio è di:

  • ⛔ perdere tempo prezioso con trattamenti inadatti 
  • ⛔ utilizzare rimedi ( medicine) che non funzionano perchè non ti stai curando nel modo giusto cioè eliminando la muffa
  • ⛔ permettere alle spore di diffondersi ancora di più, causando ancora più danni.

Ad aggravare il tutto e gli effetti della muffa sono le patologie già in atto come in chi ha allergie oppure se l’azione delle spore arriva in soggetti “più sensibili” come i bambini e gli anziani o chi ha difese immunitarie più basse.

In queste persone gli effetti possono peggiorare lo stato di salute già precario, con effetti ancora più persistenti e a lungo termine, diventando addirittura cronici, fino ad arrivare a vere e proprie malattie.

Ecco quindi che la muffa con le sue spore tossiche determina un problema che non va quindi sottovalutato, ma combattuto il prima possibile.

E’ importante quindi eliminare la muffa con prodotti adatti e andare ad agire sui fattori che le permettono di vivere e svilupparsi, per evitare così gravi danni alla salute.

Per ISOLAMENTO TERMICO si intende tutto quello che riguarda strutture e materiali utilizzati all’interno e all’esterno dell’abitazione al fine di contenere il calore all’interno degli edifici nelle stagioni fredde e in estate, creando un’adeguata “schermatura” dal calore esterno.

I prodotti che vengono impiegati per garantire un adeguato isolamento termico delle abitazioni sono chiamati materiali isolanti e sono molto diversi gli uni dagli altri per:

  • il tipo di materiale ( minerale, vegetale, animale e petrolchimico)
  • la natura del materiale (naturale, sintetico)

Per risolvere per sempre il problema della muffa bisogna agire sulle cause che la generano.

Bastamuffa ha realizzato un protocollo che prevede lo studio di una soluzione specifica per ogni problema di muffa.

Il trattamento consente di:

  • individuare il tipo di muffa che ha aggredito la tua casa, risalendo alle cause che l’hanno generata, grazie alla valutazione gratuita della muffa
  • disinfettare le superfici colpite da muffa in profondità, bloccando il proliferare delle spore 
  • creare uno strato che protegge i muri dall’umidità e dalla formazione della condensa
  • predisporre uno scudo termico che riesce a rendere le pareti più calde

Il tutto attraverso l’utilizzo di prodotti naturali (privi di cloro, biocidi e VOC), che non contengono perciò sostanze chimiche tossiche. Il trattamento Bastamuffa inoltre è garantito per 5 anni. 

La sicurezza per la salute e soprattutto per quella dei bambini che sono soggetti più “sensibili” e con minor difese immunitarie, è prerogativa assoluta di Bastamuffa.

Questo perchè si tratta di prodotti:

  • ✅ atossici
  • ✅ che non contengono formaldeide, cloro e altre sostanze chimiche dannose per l’organismo
  • ✅ senza odori molesti
  • ✅che funzionano attivamente sulla muffa e sono in grado di risolverla e prevenirla

Si possono applicare di giorno e la sera stessa andare a dormire in tutta sicurezza, anche se applicati dove dormono i bambini .

Grazie a queste caratteristiche, i prodotti BASTAMUFFA possono essere applicati:

  • 👍 anche da chi non è un professionista, grazie a “consigli ad hoc” dei tecnici Bastamuffa
  • 👍 in pieno inverno, senza quindi necessariamente aspettare la bella stagione 

Si, perchè si tratta di prodotti facilmente applicabili da chiunque voglia cimentarsi in questa impresa.

Non sono previste tecniche di applicazione particolari o prettamente estetiche.

La stesura dei prodotti è molto semplice e con appositi strumenti (pennelli, ecc) studiati per finalizzare nel miglior modo possibile il lavoro e renderlo ancora più facile.

Non c’è pericolo di intossicazione durante l’applicazione perché i prodotti sono atossici, privi di formaldeide, cloro e altre sostanze chimiche volatili dannose per la salute.

In ultimo, l’assistenza disponibile e attenta ai bisogni del cliente di Bastamuffa, completa l’opera.

Le piastre di Petri sono strumenti utilizzati nei laboratori biologici per ricercare microrganismi viventi nell’aria o nell’acqua, tramite terreni nutritivi.

Nel caso specifico di Bastamuffa, vengono utilizzate per ricercare le muffe presenti nell’aria che respiriamo nelle nostre case.

Sia dove è presente e chiaramente visibile da macchioline, angoli e strisciate annerite ma anche dove ancora non si vede me l’unica prova della sua presenza è l’odore.

Come avvengono i campionamenti?

  • campionamento aria
  1. Prendere una delle piastre presenti nei kit BASTAMUFFA
  2. Togliere il nastro adesivo e alzare il coperchio ( non è ermetico e non si avvita ma è solo appoggiato)
  3. Posizionare la piastra Petri su un piano, lasciandola aperta
  4. Tenere aperta la piastra Petri per circa 2-3 ore evitando correnti d’aria e in questo lasso di tempo di arieggiare la stanza in questione
  5. Trascorse le ore previste ( se anche sono di più non c’è problema), richiudere la piastra Petri con il nastro adesivo e da questo momento, possibilmente, non spostare più la piastra
  6. Aspettare. Entro 7 gg, se saranno state raccolte nella piastra Petri spore della muffa, le vedrai visibili come puntini neri più o meno distribuiti sopra al terreno di coltura.
  • campionamento per striscio
  1. Prendere una delle piastre presenti nei kit BASTAMUFFA
  2. Togliere il nastro adesivo e alzare il coperchio ( non è ermetico e non si avvita ma è solo appoggiato)
  3. Prendere il tampone sterile presente nel kit, aprilo e preleva un pò di muffa visibile strofinando la parte cotonata sulla macchia nera
  4. Disegnare una “S” sul terreno di coltura della piastra con la parte cotonata del tampone dove hai prelevato il campione di muffa da analizzare, facendo attenzione a non scalfire il terreno gelatinoso.
  5. Richiudere la piastra Petri con il nastro adesivo e da questo momento, possibilmente, non spostare più la piastra
  6. Aspettare. Entro 7 gg, se saranno state raccolte nella piastra Petri spore della muffa, le vedrai visibili come puntini neri più o meno distribuiti sopra al terreno di coltura.

Le fasi di esecuzione dell’esperimento sono facilissime e ti impiegheranno 3 min del tuo tempo.
Un tecnico Bastamuffa valuterà la crescita riscontrata e ti aiuterà nella soluzione più adatta a te.

Per risalire alle cause della muffa in casa bisogna verificare il tasso di umidità presente in casa, considerare il numero di persone che vivono dentro casa, il numero di pareti esposte a nord-est, la presenza o meno di un cappotto termico, la geolocalizzazione.

Con la sua valutazione gratuita Bastamuffa riesce ad individuare i vostri problemi di muffa e finalmente a risolverli!

Per prevenire la formazione della muffa bisogna creare un ambiente sfavorevole alla sua formazione. Ciò è possibile attraverso semplici accorgimenti: 

  • Ventilare le stanze da letto dopo le ore notturne
  • Arieggiare con maggiore frequenza bagno e cucina , luoghi in cui si forma molto vapore acqueo
  • Asciugare immediatamente le aree umide
  • Controllare tasso di umidità
  • Non stendere il bucato in casa  
  • Eliminare i ponti termici

Per non perdere l’effetto termico è necessario colorare le pareti con la finitura termica in vetro ceramica, disponibile sia bianca che colorata. 

Il prodotto non ha scadenza, conservalo in un luogo asciutto. Potrai riutilizzarlo in un’altra stanza per bloccare l’avanzata della muffa, non appena dovessi notare i primi puntini neri sul muro.

 

Torna su