Condensa sui muri: una delle cause principali dello sviluppo della muffa in casa

condensa sui muri

Ti è mai capitato in inverno, di notare sui vetri delle finestre delle goccioline di acqua? Quello che vedi non è altro che la dimostrazione del fenomeno della condensazione in un ambiente. Quando l’acqua presente nell’aria si deposita su una superficie più fredda, forma le tipiche goccioline. Ma lo stesso fenomeno può manifestarsi anche su altre superfici oltre al vetro, creando così condensa sui muri, sul legno, piastrelle, giusto per fare degli esempi.

Condizioni di umidità favoriscono anche la crescita delle spore di muffe.
In questo articolo scoprirai tutto quello che riguarda il fenomeno della condensa in casa, come evitarla con semplici accorgimenti ed evitare che si sviluppi anche la muffa.
E se nonostante tutto la muffa compare, nessun problema: si può rimediare!


La condensa: tutto quello che c’è da sapere

condensa sui muri

La condensa si forma quando il vapore acqueo presente nell’aria, raggiunge livelli tali da depositarsi su una superficie sufficientemente fredda e rendere così evidente il suo cambio di stato: da gas, a liquido.

I luoghi più a rischio condensa negli ambienti domestici sono:

  • bagni, con condensa evidente nelle zone murarie che possono diventare muffa senza un areazione adeguata degli ambienti dopo la doccia;
  • sulle finestre, con goccioline d’acqua chiaramente visibili;
  • sul davanzale della finestra, con ristagni d’acqua piovana;
  • muri esterni con macchie di umidità e crepe;
  • soffitti, angoli delle stanze, pareti con tracce di umidità;
  • armadi, tendaggi, vestiti che possono essere intaccati dalla muffa;
  • tappeti, con tracce di muffa.

Tutti questi luoghi andrebbero controllati almeno ogni tanto. In primis, per evitare un eccessiva umidità negli ambienti e la formazione della condensa sui muri e su altre superfici. Ma soprattutto, per scongiurare lo sviluppo della muffa: un problema ben più grave da risolvere e con ripercussioni anche molto gravi sulla salute di tutti.

Hai provato in tutti i modi a far sparire la muffa ma è ancora lì? La tua famiglia è in pericolo!

Scarica Gratis il nostro Ebook e scopri come eliminare definitivamente la muffa!

Come si ferma la condensa sui muri?

Il fenomeno della condensa può essere chiaramente visibile su finestre, specchi e rivestimenti. Talvolta però, puoi non accorgertene neanche, come nel caso della condensa sui muri e sui soffitti.
Te ne accorgerai quando un forte odore di umidità invaderà la tua stanza oppure quando la muffa si renderà evidente, con macchie e puntini neri su pareti e mobili.

La condensa poi, si forma soprattutto in tutte quelle aree ad alta umidità, come
nelle cucine, nei locali tecnici e nei bagni.

Come si può prevenire l’eccessiva formazione di condensa in casa?

  • Isolando gli ambienti domestici con materiali e rivestimenti coibentanti.
  • Permettendo una corretta ventilazione che preveda un ricambio d’aria in tutte le stanze della casa, almeno una volta al giorno.
  • Adottando semplici accorgimenti nel tuo stile di vita, in casa.


    Se seguirai piccole regole di vita e semplici accorgimenti quotidiani o periodici, potrai limitare al minimo le possibilità di formare la condensa e così anche la muffa ;). Come:
  • azionare aspiratori in cucina e in bagno,
  • utilizzare asciugatrici al posto di stendere i panni umidi nelle stanze in inverno,
  • aprire porte e finestre per arieggiare gli ambienti e far fuoriuscire accumuli di umidità,
  • non spingere i mobili contro le pareti, favorendo così un passaggio di aria (anche se in pochi cm).

Per poter avere pieno controllo dell’umidità negli ambienti dove vivi e soggiorni, non affidandoti così solo alle tue sensazioni, è fondamentale avere un igrometro. Questo strumento è in grado di dimostrarti, tramite delle misurazioni, il tasso di umidità.

La condensa sui muri e lo sviluppo della muffa

Il risultato dell’eccesso di condensa in un ambiente è la formazione di muffa su pareti e soffitti. Con piccole macchie nere o con intere pareti, questo antiestetico ospite è un pericolo per la tua casa. Può causare danni strutturali, ad intonaci e rivestimenti ma il peggio è per la tua salute e per quella di chi vive con te.

La muffa infatti può rendere “sensibili” all’attacco delle sue spore tossiche, persone già debilitate o malate e chi è allergico. Ma anche persone sane, esposte alla muffa per un lungo periodo, possono manifestare disagi a livello fisico.
Proprio per questo motivo è fondamentale eliminare la muffa, e con lei anche i possibili danni alla salute che può provocare.

Se hai già provato a rimuovere la muffa con i classici rimedi conosciuti come candeggina e spruzzini, sai già che non funzionano a lungo e in maniera definitiva. E la muffa, dopo poco ritorna e ben più forte di prima 🙁

Con un esperienza di ormai 10 anni alle spalle, io e il team Bastamuffa siamo riusciti a trovare la soluzione definitiva alla muffa, andando ad agire sulle cause scatenanti la muffa. Ti basterà richiedere la valutazione gratuita della muffa.
Analizzando ogni caso specifico di muffa, puoi eliminarla per sempre, grazie al trattamento garantito 5 anni.

Approfondimento –> valutazione gratuita della muffa

Muffa in Casa?



IN CONCLUSIONE

Evitando accumuli di condensa negli ambienti abitativi, puoi prevenire anche la formazione della muffa. Ci sono aspetti da considerare come: tenere controllata l’umidità interna (affinchè non superi il 60%), isolare la casa con materiali isolanti ma traspiranti e riparare eventuali danni strutturali.

Se la muffa, nonostante tutto, si è sviluppata per colpa della condensa nei muri, dovrai agire per bloccarla il prima possibile e in maniera definitiva. E per questo, ci sono io 😉

A presto,
Giuseppe Tringali

giuseppe tringali

.

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su