Come rimuovere la muffa e in maniera efficace

come rimuovere la muffa

Un’operazione tanto semplice come rimuovere la muffa dai muri, può invece essere vista come un enorme fastidio se ogni anno ricompare.
Ti obbliga infatti ad agire subito. Infatti se aspetti anche solo un giorno in più, può accadere l’irreversibile: la muffa si allarga a macchia d’olio, costringendoti a tribolare ancora di più per toglierla.

Il solo pensiero di dover rimuovere la muffa un’altra volta ti irrita molto, anche perchè devi sacrificare tempo prezioso alla casa e alla famiglia che è sempre molto poco.

In questo articolo ti parlerò dei classici rimedi utilizzati contro la muffa e perchè non funzionano e, cosa invece fare, per rimuovere la muffa una volta per tutte e per sempre.

Cosa eviti se rimuovi la muffa subito

Pensa che in una singola microscopica spora di muffa ci sono tutti i presupposti per creare un vero e proprio impero di muffa.
Se non disponi delle giuste armi o sottovaluti la muffa, minimizzandola alla semplice macchiolina di sporco da togliere, puoi trovarti davanti ad un problema ben più grande.

La muffa è un vero e proprio nemico che non scomparirà in fretta come è venuta, purtroppo 🙁

Le problematiche a cui vai incontro se non intervieni per rimuovere la muffa il prima possibile, sono:

  • la possibilità che si crei una contaminazione di spore;
  • aumento dei costi per rimuovere la muffa dai muri quando la situazione ormai è peggiorata (rispetto ai primi puntini appena visibili);
  • puzza di muffa in tutta casa che non se andrà neanche con l’impiego di “super profumatori”.

La contaminazione di spore: il pericolo peggiore


come rimuovere la muffa dai muri


Il primo problema se non rimuovi la muffa dai muri il prima possibile, quando cioè la muffa è limitata a piccoli, definiti puntini, è la possibilità di creare una contaminazione.

Si parla di contaminazione quando si:

  1. perde di vista la gravità del problema e “si lascia perdere”, sperando che la muffa muoia in estate ( cosa che non avviene);
  2. va avanti soltanto a tentativi, non risolvendo però il problema all’origine e in maniera definitiva.

In inverno, quando ci sono i presupposti per la muffa di crescere in tempi brevissimi, potresti notare un aumento repentino di muffa anche da un giorno all’altro.

Uno dei fattori scatenanti la muffa è l’alta umidità degli ambienti abitativi. Infatti se l’umidità non rientra nei parametri ottimali, arrivando a superare il valore massimo di riferimento de 60%, può incentivare la crescita e la moltiplicazione della muffa.
Ecco perchè è meglio avere un igrometro in casa, uno strumento che è in grado di darti informazioni esatte in merito all’umidità di un ambiente.

Se non ne disponi alcuno, l’alta umidità la puoi “anche sentire” con mezzi meno scientifici, quali:

  • sensazione di “freddo nelle ossa” in prossimità di pareti ghiacciate, rivolte spesse volte verso l’esterno, con poca rotazione solare o addirittura inesistente, nei mesi invernali;
  • acqua che condensa e gocciola dai vetri;
  • vestiti umidi che possono anche presentare muffa.

    Un ambiente troppo umido può permettere con più facilità anche lo sviluppo delle malattie da raffreddamento e incentivare le allergie già esistenti, fino a renderle croniche.
    La muffa ci può far seriamente ammalare!

Aumentano i costi se rimuovi la muffa troppo tardi!


A fare i conti con l’umidità eccessiva è anche l’aumento delle spese annuali dovute al riscaldamento. Infatti, l’energia impiegata per riscaldare un ambiente umido è nettamente superiore rispetto ad uno controllato termicamente.
Inoltre, ambienti troppo umidi e freddi, necessitano in primis di più tempo per arrivare a temperatura e un tempo maggiore di utilizzo per mantenere la temperatura.

Ecco che l’acquisto di materiali utili per tenere a bada un’umidità elevata come i deumidificatori e le più moderne VMC, possono aiutare e anche molto.
Comporteranno però un costo di un certo rilievo acquistarli o installarli, soprattutto se non previsto.

C’è anche chi per risolvere nei limiti dei costi utilizza i sali assorbiumidità, risolvendo però ben poco a livello di muffa, continuando a crescere indisturbata. Tanto però incideranno come spesa sul budget famigliare e costituiranno un vero e proprio costo, dal momento che ne serviranno tante e da sostituire in breve tempo.

Anche le infiltrazioni dall’esterno fanno parte di quelle problematiche strutturali che il prima possibile dovranno essere risolte, soprattutto nelle stagioni fredde e piovose. Ma se ti trovi in condominio, interventi di questo tipo sono spesso difficili perchè notevoli sono i costi extra budget da prevedere, oltre che trovare un accordo tra tutti i condomini non è cosa facile.

Odore di muffa: la senti dappertutto

Altro aspetto da considerare con la muffa è il suo odore caratteristico, tutt’altro che gradevole! Altro che sottobosco!

Le tossine della muffa arrivano ai recettori dell’olfatto dando la sensazione di un odore persistente e soffocante. Tanto che neanche i profumatori più intensi basteranno ad eliminarne il tanfo, purtroppo.

Intervenire in maniera repentina è fondamentale fin dalle prime avvisaglie tramite i recettori nasali che non sbagliano. Se si sente odore di muffa è perchè la muffa c’è davvero!

Anche se non la vedi, devi andare a scovarla.
Solo in questo modo potrai evitare danni alla salute e alle cose che, quando vengono attaccate dalla muffa, il più delle volte vanno poi eliminate.

Metodi utilizzati fino ad oggi per rimuovere la muffa


Con i soliti rimedi conosciuti magari puoi pensare di rimuovere la muffa dai muri in maniera efficace perchè la macchia visibile non c’è più. Ma le spore sì, quelle rimangono radicate nel muro e nell’ambiente. Rimanendo attive con i metodi sbagliati di pulizia si risvilupperanno.
E ancora di più inverno, addirittura a velocità record.

Hai provato in tutti i modi a far sparire la muffa ma è ancora lì? La tua famiglia è in pericolo!

Scarica Gratis il nostro Ebook e scopri come eliminare definitivamente la muffa!

Ecco di seguito elencati i metodi conosciuti da NON utilizzare più per rimuovere la muffa dai muri.

Carta vetrata contro la muffa


L’utilizzo della carta vetrata per rimuovere la muffa è una pratica ancora oggi molto diffusa che non porta alcun risultato risolutivo contro la muffa, anzi causa solo danni. L’angolo annerito che tu vedi NON è uno sporco semplicemente da lavare via o, peggio ancora, da asportare via, grattando. E’ un organismo vivente.

La muffa sui tuoi muri è solamente la parte visibile, un po’ come la punta di un iceberg.
Il vero lavoro della muffa sta al di là di quanto ci sia di visibile.
Sono infatti tantissime le spore, piccole, minuscole particelle di muffa che non si vedono e che lavorano incessantemente per garantirsi la sopravvivenza. Grazie a determinate condizioni di umidità e temperatura.

Le spore sono in parte radicate nel tuo angolo di muffa perché è da lì che hanno origine ma vengono in buona parte anche trasportate nell’aria, nell’attesa di trovare superfici umide e fredde per potersi radicare.

Se per eliminare la muffa agisci solo sulla parte visibile (angolo nero che cedi) “scartavetrando” o spazzolando la muffa a secco, cosa ne sarà di quelle spore?
Verranno disperse nell’aria. E da qui, verranno in parte:

  1. inalate, soprattutto se non usi la mascherina ( cosa che capita molto spesso, purtroppo) finendo nei polmoni di chi esegue l’operazione e di chi successivamente soggiornerà in questi ambienti trattati.
    Possono incorrere così possibili danni alla salute, soprattutto a livello respiratorio 🙁
  2. disperse nell’aria che respiri nell’attesa di trovare una superficie umida e fredda da attaccare, creando così delle contaminazioni.

Ecco perchè usare carta vetrata o tutto quanto permetta un’asportazione meccanica ( anche con uno straccio hai lo stesso risultato) non elimini il problema ma lo propaghi di più!

Candeggina e spruzzini non rimuovono la muffa


La candeggina è tra i rimedi casalinghi più utilizzati nel vano tentativo di rimuovere la muffa dai muri.
Se l’hai provata anche tu, sarai d’accordo con me. che non funziona affatto!

bastamuffa

Il cloro nella sua forma naturale ha un intenso odore soffocante ed è altamente tossico. La candeggina in commercio non è nient’altro che cloro in bassissima concentrazione e in soluzione acquosa.
Con la stessa composizione trovi anche la maggior parte dei flaconi che puoi trovare in commercio con la scritta “antimuffa”.

Il più delle volte il cloro contenuto nella candeggina e nei surrogati non arriva neanche al 5% e già puoi riconoscerli per il caratteristico odore pungente. Proprio per questo è fondamentale utilizzare protezioni adeguate come guanti, mascherina e occhialini, ogni volta che la si utilizza.

La candeggina ha inoltre un’azione corrosiva nel tempo, proprio dovuta al cloro. Se viene considerata così aggressiva, irritante già al primo spruzzo, la candeggina e surrogati lo saranno anche sul tuo muro di casa!

Continuare ad impiegare candeggina e spruzzini chimici per cercare di eliminare la muffa:

  • NON ti porterà alcun risultato risolutivo;
  • contribuirà a indebolire l’intonaco dei tuoi muri fino a creare crepe e scrostamenti;
  • causerà seri problemi di salute che possono portarti dritto dritto all’ospedale per intossicazione.

    Sei davvero sicuro che vuoi risolvere così la muffa che hai in casa?

Io e Bastamuffa invece, senza prodotti tossici, possiamo aiutarti a rimuovere efficacemente ogni traccia di muffa dai tuoi ambienti abitativi, in maniera risolutiva e senza pensarci più 😉

Come rimuovere la muffa con Bastamuffa


Requisiti fondamentali di Bastamuffa per eliminare la muffa e prevenirne la ricomparsa in maniera definitiva sono:

  1. utilizzare prodotti adatti a debellarla definitivamente e atossici;
  2. in maniera facile e con poca fatica;
  3. con un sistema adatto a chi ha poco tempo da dedicare e che preveda step da pianificare;
  4. evitare costi inutili e continui ma concentrare tutte le forze in uno solo e unico intervento evitando sprechi di soldi e tempo;
  5. garanzia di riuscita 5 anni

    Tutto questo è ora possibile, con un trattamento creato apposta per te e per la muffa che ti ritrovi ad aver in casa.

    Ma per poter analizzare la tua situazione specifica e sapere se DAVVERO possiamo aiutarti, puoi richiederci la valutazione gratuita della muffa.

    Se vuoi sapere come fare, clicca qui –> come richiedere la valutazione gratuita della muffa

    Muffa in Casa?

IN CONCLUSIONE

Nonostante si utilizzino ancora rimedi inappropriati per combattere la muffa, senza poi alcun risultato duraturo nel tempo, la soluzione ai tuoi problemi Bastamuffa ce l’ha. Come rimuovere la muffa dalla tua casa, non sarà più un problema!

Agisci il prima possibile, in maniera decisiva e risolutiva e così addio muffa.
Io posso aiutarti a realizzare concretamente questo obiettivo 😉

A presto,
Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali
Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su