Muffa in casa : quale rimedio contro la condensa?

Hai muffa in casa da qualche anno e hai già provato i classici rimedi come candeggina, spray e pitture antimuffa senza risolvere?

Scopri come grazie ad un’accurata analisi e un trattamento creato su misura che risolve le cause del problema, è possibile eliminare definitivamente la muffa in casa che si forma per colpa della condensa e muri freddi.

Questo articolo è la seconda parte di un CASO STUDIO del nostro cliente Alessandro Scendoni di Fermo (Marche) che ci ha autorizzato a raccontare l’evoluzione del suo lavoro giorno dopo giorno, come da lui documentato sul nostro gruppo Facebook in questo post.

Ti faccio un breve riassunto della puntate precedenti. A gennaio 2019, Alessandro ci ha contattato per un problema di muffa in casa e ha compilato il questionario dalla pagina www.valutazionemuffa.it.

Ha acquistato il nostro Kit di Analisi per approfondire l’argomento e misurare la contaminazione da muffa e testare i principi attivi del nostro trattamento.

Una volta avute tutte le risposte alle sue domande si è affidato alla nostra soluzione che avevamo precedentemente testato sull’angolo più critico e da adesso parte il diario di Alessandro che ci racconta giorno dopo giorno l’avanzamento dei lavori.

22 GENNAIO: Muffa in casa? Finalmente adesso si comincia a fare sul serio 🙂 

Non che con kit di analisi avessi scherzato ma, grazie alla velocissima spedizione dei prodotti, posso finalmente iniziare a disinfettare e isolare i muri più freddi della casa! 

Per un lavoro più preciso e sicuro ho passato Muffamed e SOS Muffa in una stanza a piano terra anche nelle zone di ponte termico dove la muffa non era visibile ad occhio nudo, non si sa mai 🙂 

Inoltre, dopo aver “lavato” il retro dell’armadio (colpito anch’esso da muffa), con Muffamed, ho dato una mano di SOS Muffa: disinfettare la parete e lasciare le spore di muffa sull’armadio avrebbe avuto poco senso! 

In questo momento la muffa nella stanza è sparita e le zone che prima erano nere ora sono bianchissime. 

Per quanto riguarda gli odori: quando ho passato Muffamed, la stanza si è riempita di un odore pungente… era la muffa che stava morendo!!! 

Il prodotto in sé per sé non ha odori sgradevoli! 

SOS Muffa, invece, ha un odore di disinfettante; basta arieggiare la stanza per qualche decina di minuti e non rimarrà alcun odore per casa. Il bello di questi prodotti è che li ho dati con i miei figli in casa, la sera tardi e non c’è stato nessun problema. 

Sono ecologici, non hanno classi di rischio e non contengono formaldeidi o biocidi!!!

prodotti bastamuffa
Ecco il Trattamento Antimuffa su misura per Alessandro che ha ricevuto al primo ordine

Come puoi vedere Alessandro ha ricevuto un vero e proprio arsenale di principi attivi che ha un solo scopo: eliminare la muffa in maniera profonda.

Troppe volte capita (ed è successo anche ad Alessandro) di comprare in colorificio il classico spray antimuffa che costa non più di 10 euro che alla fine non è altro che un potente pulitore chimico a base di ipoclorito di sodio (candeggina).

Che risultato puoi aspettarti da un “detersivo”, quando hai un problema di muffa in casa?

I lavori per Alessandro iniziano!

1 FEBBRAIO: Come togliere la muffa in bagno e isolare le pareti fredde

Oggi ho terminato il secondo step del trattamento nel bagno che, insieme ad una camera del primo piano, era la stanza più problematica. 

Parete fredda per via del ponte termico e condensa da umidità prodotta dai vapori dell’acqua per le docce. 

Per migliorare la stesura dello Scudo Termico ho applicato una mano di fissativo che, tra l’altro è anche un fondo termico anticondensa. 

Non è indispensabile ma male non fa 🙂 

Le pareti del bagno, adesso, sono molto calde rispetto alle porzioni di muro non trattate; vicino ai montanti della finestra la situazione è notevolmente migliorata e i bordi del muro non sono più gelidi. 

Adesso manca solo l’ultima fase, la tinteggiatura 🙂 

Sotto una foto del bagno con lo Scudo Termico applicato.

muffa in bagno
Ecco il bagno dopo aver eliminato la muffa e dato la prima passata di Scudo Termico

Come puoi leggere dal racconto di Alessandro, ci troviamo di fronte ad un papà molto preciso, attento e premuroso. In molte situazioni ha chiesto di aumentare le quantità di prodotto da applicare sul muro per essere SICURO.

Troppe delusioni in passato per colpa della muffa casa, quindi capisco perfettamente la sua decisione nel liberarsi della muffa una volta per tutte!

4 FEBBRAIO: Test di Lavamuffa per disinfettare e pulire i pavimenti sporchi di muffa

Oggi voglio mostrare l’ottimo risultato ottenuto con il detergente Lavamuffa. 

Penso che più di ogni parola valga la foto che posto di seguito. 

Dopo venti giorni dal trattamento il pavimento è ancora perfettamente pulito e privo di muffa nonostante nel frattempo all’esterno si sia alternata la pioggia alla neve con temperature sempre prossime allo zero. in condizioni normali, senza il trattamento, come già successo negli scorsi anni, la muffa si sarebbe riformata nel giro di una quindicina di giorni. 

Non vedere alcuna traccia mi fa ben sperare per il futuro! 

Ha un pH alcalino, superiore a 11 e quindi ideale a creare un ambiente ostile alla muffa.

pulire muffa pavimenti
Un altro esperimento di successo di Alessandro: disinfettare il pavimento colpito da muffa con Lavamuffa

Aggiungo che quella è muffa che si è formata in qualche settimana, non mesi!!! Periodicamente spostavo l’armadio per pulire il pavimento con candeggina; una soluzione tampone per superare il periodo più freddo dell’inverno. In estate nessun problema ma, ai primi freddi il pavimento tornava in quelle condizioni. 

Frequentando il gruppo e guardando i tuoi video su Youtube ho capito anche gli errori da non commettere in futuro e, infatti, quell’armadio che ora è pulito e disinfettato, sarà spostato in una camera più calda ma, soprattutto, non sarà adagiato contro una parete a nord bensi ad un muro interno 🙂

Un passaggio interessante questo di Alessandro. Quando succede che un armadio è da buttare per colpa della muffa è molto saggio spostarlo su un muro interno.

Non abbiamo il controllo della natura e del clima. Se una parete esposta all’esterno è molto più fredda ed umida rispetto al resto della stanza è sconsigliabile di metterci un armadio davanti, magari attaccato alla parete.

Se proprio non puoi farlo, almeno disinfetta in maniera adeguata e isola alla perfezione quel muro. No, per isolare non intendo soffocarlo con un pannello di polistirolo o cartongesso.

7 FEBBRAIO: Come pulire le fughe dalla muffa con SOS Fuga

Visto che il corriere ha deciso di fare il giro largo 🙂 e posticipare la consegna della pittura termica, prevista per oggi, a domani, ho trovato il tempo per pubblicare una foto del trattamento fatto alle fughe del pavimento della cucina. In cucina la muffa è cresciuta in un angolo in basso, sul pavimento (concentrandosi particolarmente sulle fughe) e sul battiscopa in legno mentre il muro, stranamente, non è stato attaccato… 

Il prodotto utilizzato è SOS Fuga che, gentilmente, Giuseppe mi ha spedito per testarne l’efficacia. E’ un prodotto naturale, assolutamente inodore e nel mio caso ha pulito molto bene le fughe rovinate dalla muffa. 

Ho dato una bella spruzzata di prodotto e l’ho fatto agire per una quindicina di minuti; poi ho passato una spazzolina con i denti in plastica rigida e, infine, ho lavato il pavimento con uno straccio bagnato. In ultimo ho lavato nuovamente il pavimento utilizzando Lavamuffa per rendere più difficile il ritorno della muffa 🙂 

Come sempre allego una foto che meglio di tante parole dimostra l’efficacia del prodotto.

Anche le fughe ora hanno un colore decisamente meno scuro e la muffa è eliminata

E’ incredibile che ogni principio attivo che ho affidato ad Alessandro si è rivelato estremamente efficace. Merito grandissimo di Alessandro che ha investito davvero tanto tempo e impegno per riuscire in questo progetto.

Cosa sarebbe successo se avessimo affidato questo trattamento ad un imbianchino non qualificato che magari aveva molta fretta di finire e incassare il denaro?

Ecco perchè tanti nostri clienti ci raccontano di essere scettici dopo tante delusioni pagate a caro prezzo per problemi di muffa in casa NON risolti dall’imbianchino a cui si erano affidati.

Peccato davvero! 🙁

8 FEBBRAIO: E’ passato un mese dall’inizio dell’avventura e la muffa in casa inizia a sparire

Finalmente ci siamo! Lo scorso 10 Gennaio ho iniziato il test dell’aria e della muffa sui muri e adesso, dopo un mese è tutto pronto per l’ultima fase di tinteggiatura 🙂 Non è stato facile far combaciare gli impegni lavorativi e familiari con il lavoro di “imbianchino improvvisato” però sono molto soddisfatto del risultato finale!

9 FEBBRAIO: Niente più muffa in bagno. Lavoro finito, bianco splendente!

E il bagno è finito! Ottima pittura la biotermica; con la prima mano avevo già coperto la vecchia pittura ma ho dato comunque anche la seconda mano come da istruzioni. Si stende molto bene sia a pennello che a rullo.

togliere muffa bagno
Che bel bianco! Considerato che siamo partiti da un giallo e la muffa negli angoli

Non contento Alessandro mi ha inviato un collage di foto per mostrare l’andamento del trattamento PRIMA e DOPO. Che spettacolo vero?

muffa bagno rimedi
Da bagno con muffa e ingiallito a BIANCO SPLENDENTE e senza muffa!

11 FEBBRAIO: La nostra soluzione contro la muffa applicata in una camera

Anche questa camere viene isolata e riportata ad un bianco luminoso

Anche quest’altra stanza è finita! 

E’ una camera di servizio e non presentava problemi di muffa ma ho comunque utilizzato la pittura biotermica per tinteggiare la stanza. 

Stanza che utilizzerò per trasferire l’armadio che è al piano terra e che ostruiva una parete a nord, la più problematica dell’intera casa! Togliendo l’armadio e facendo il trattamento completo con Scudo Termico e Biotermica dovrei risolvere il problema di muffa su quella parete. 

Ecco comunque come si presenta la stanza dopo la tinteggiatura con la biotermica il cui punto di bianco è fantastico!!! 

Come al solito ne approfitto per una domanda a Giuseppe: con il passare degli anni, l’effetto thermos della pittura va a diminuire? Me lo chiedevo perchè so che sopra alla biotermica non va applicata una tempera comune per non annullare le sue proprietà; di conseguenza, se dovessi tinteggiare tra 4/5 la stanza sarei “costretto” nuovamente ad usare una biotermica. 

Costretto tra virgolette perchè comunque il suo costo iniziale più alto lo si ammortizza con il tempo avendo una stanza più calda in inverno e più fresca in estate oltre al fatto di ostacolare in qualche modo la formazione di muffa. Sapendo in anticipo la durata dell’effetto thermos potrei regolarmi di conseguenza, anticipando o posticipando la futura tinteggiatura della stanza.

RISPOSTA DI GIUSEPPE 🙂

Alessandro, una buona notizia per te. Questi prodotti con microsfere isolanti NON degradano, nel senso che, a meno che non gli metti sopra un prodotto SBAGLIATO, loro funzionano sempre a tempo indeterminato. Casa dei miei genitori o il nostro nuovo ufficio ormai hanno quasi 8 anni dal primo intervento e le pareti isolate sono ancora calde come il primo giorno.

Nel caso il muro si sporcasse e tu volessi dare la classica “rinfrescata” basterà una mano leggera di Biotermica per ricoprire il vecchio colore ma il lavoro come l’hai fatto tu si fa solo UNA volta! 😉

Siamo arrivati a fine lavori e nel gruppo Facebook la discussione si infiamma e ci sono tantissime domande per me ed Alessandro che condivide con noi altre curiosità.

Giuseppe, avrei un’altra domanda da porti. Te lo chiedo qui invece che su whatsapp magari può interessare anche ad altri. Probabilmente mi avanzerà della pittura biotermica, ha senso dare un’ulteriore mano, oltre alle due che ho già dato, nei punti più critici? Mi riferisco ad es intorno alle finestre o lungo gli angoli dei muri esterni.

RISPOSTA di GIUSEPPE: Direi che dipende da quanto prodotto ti è rimasto. Se è poca roba tienilo per i ritocchi. Se è abbastanza per fare una terza mano, lo farei perchè accentua ulteriormente con un consumo nettamente inferiore alle mani precedenti.

Ad un certo punto la discussione è finita sul fatto che Alessandro prima di contattarci ha trascorso ore del suo tempo per informarsi e conoscerci meglio, anche attraverso i video che pubblico costantemente su Youtube. A quanto pare ne ha visti parecchi 🙂

Un terzo delle visualizzazioni del canale Youtube sono le mie 🙂 🙂 🙂 

A parte gli scherzi, complimenti per il canale e per l’impegno che tu e il tuo staff mettete per aiutarci a risolvere il problema della muffa! Il canale ti ha permesso di entrare nelle case di tantissime persone ma, a mio parere, la vera idea è stata il kit di analisi: senza di quello difficilmente avresti vinto la diffidenza verso l’ennesimo prodotto antimuffa! Con una piccola spesa chiunque può testare i prodotti e capire se è l’ennesima bufala o qualcosa che può veramente risolvere il problema. Per me è stato così 🙂 Senza dimenticare il gruppo di Fb 🙂

Alessandro ha confessato apertamente quello che è il dubbio di tantissime persone. Ci si potrà fidare di Bastamuffa? Funzionerà?

Ecco perchè abbiamo creato il Kit di Analisi che non è altro che l’azienda Bastamuffa in una scatola, con la possibilità di PROVARE e VERIFICARE l’efficacia del nostro trattamento PRIMA di acquistarlo.

Kit Analisi Muffa
Scopri il Kit di Analisi che ha usato Alessandro prima di acquistare il trattamento completo!

Vorrei farti leggere le ultime considerazioni di Alessandro sulla sua esperienza con il nostro trattamento. E’ comune a tantissime persone.

Tanto tempo investito per informarsi, chiedere, confrontarsi per non prendere una nuova delusione con un rimedio temporaneo.

Quanti soldi si spendono ogni anno per rimedi temporanei che potremmo tranquillamente risparmiare? Ecco le parole di Alessandro.

Prima di iscrivermi a questo gruppo e prima di affidarmi a BastaMuffa ho girato in lungo e in largo sia in rete che nei negozi fisici alla ricerca di una soluzione al mio problema. Quello che ho trovato è stato tanta disinformazione, soprattutto da parte di chi lo fa per mestiere e poca disponibilità nel rispondere alle domande fatte. 

Per chi non è del mestiere è difficile districarsi tra ponti termici, muffa da condensa, muffa di risalita e così via; per non parlare della miriade di prodotti miracolosi che ogni azienda cerca di “appiopparti” e se poi non funzionano sono affari tuoi…! 

Loro il prodotto lo hanno venduto e chi si è visto si è visto! 

Quando dico che BastaMuffa si differenzia dal resto delle aziende che trattano il problema della muffa da condensa lo dico con cognizione di causa, perchè lo sto sperimentando da più di un mese. 

Al giorno d’oggi si può acquistare qualunque cosa stando comodamente seduti davanti a un monitor; quello che non si può comprare è la professionalità e l’assistenza in caso di bisogno!

 Poi la muffa può anche tornare, non è quello il problema, o almeno in parte! 🙂

Ovviamente la storia NON finisce qui ma per motivi di spazio sintetizzo con questo ultimo messaggio. Oserei dire la prova del 9.

Pensi di avere ancora muffa in casa? Fai il test con le piastre Petri e finalmente potrai smettere di preoccuparti!

Prima di elaborare il trattamento per risolvere il problema di muffa in casa abbiamo fatto un test della contaminazione con delle Piastre Petri e si è formata parecchia muffa in 7 giorni.

Lo abbiamo rifatto a fine lavori, nello stesso ambiente e nelle stesse condizioni.

Ecco il commento di Alessandro con foto commemorativa.

PS. per scrupolo abbiamo fatto il test dopo il trattamento DUE VOLTE per essere sicuri di non avere un risultato alterato.

Giuseppe, mi sa che hai vinto anche questa sfida 🙂 

Ecco il risultato del secondo test. Non è molto diverso dal precedente ma credo sia più attendibile perchè nell’altra piastra di petri non c’era traccia di contaminazione dell’aria ed è un po’ strano perchè il test non è stato fatto in ambiente sterile. Comunque, al di la di queste sottigliezze posso ritenermi ampiamente soddisfatto sia dei prodotti utilizzati per igienizzare la stanza e sia per il lavoro fatto! Quello che mi preoccupava non era tanto ciò che si vedeva quanto ciò che non si vedeva e respiravo quotidianamente.

Questo articolo verrà aggiornato costantemente con i feedback di Alessandro e la certezza che non vedremo più quella muffa in casa, dopo un trattamento che è nato solo un processo di ANALISI delle cause del problema, di test sul campo e costante assistenza durante i lavori.

Una bella differenza rispetto ai classici trattamenti antimuffa dove sei l’unico responsabile di quello che scegli e come lo applichi!

Al prossimo caso studio e ancora un grandissimo ringraziamento ad Alessandro!

PS. Se stai ancora cercando di risolvere il tuo problema di muffa in casa e non vuoi più spendere soldi per rimedi temporanei, fermati un attimo e compila il questionario che trovi cliccando sull’immagine in basso e richiedi la nostra consulenza gratuita telefonica, proprio come ha fatto Alessandro e ci ha raccontato nel primo post.

giuseppe (1)

Giuseppe Tringali

Fondatore di Bastamuffa.com
Dal 2010 esperto di fiducia per più di 8400 famiglie che hanno risolto il loro problema di muffa da condensa

Metodo Bastamuffa - DA DOVE INIZIARE?

FASE 1 - PRIMI PASSI

Leggi / guarda / scarica le risorse gratuite per approfondire l’argomento e diventare un vero “esperto di muffa”:

FASE 2 - ANALIZZA e RISOLVI IL TUO PROBLEMA:

Scopri il sistema per sconfiggere la muffa da condensa
⇒ www.metodobastamuffa.com
, il nostro Sistema creato su misura per sconfiggere le cause della muffa da condensa.

Per risolvere le cause della muffa da condensa ecco i passaggi per ricevere la nostra consulenza gratuita:

Kit di Analisi per identificare il ceppo di muffa e la sua pericolosità ⇒ www.kitanalisi.it

Preferisci un contatto umano diretto?
Chiamaci allo 0243114183 dalle 9 alle 20 o scrivi a Cristina su Whatsapp al 3407792870. Siamo sempre a tua disposizione!

Benvenuto nella famiglia di Bastamuffa!

Se vuoi diventare uno dei nostri Eroi che ha sconfitto definitivamente la muffa da condensa e salvato i propri cari da “fastidi” di salute dovuti ad un’eccessiva e prolungata esposizione alle spore, siamo qui per aiutarti!

Lascia un commento

Chiudi il menu