Muffa e affitto: come proteggere la tua rendita se sei un padrone di casa e c’è muffa

muffa e affitto

Muffa e affitto, una minaccia che potrebbe costarti molto caro se sei un padrone di casa e non intervieni subito.

Devi sapere che il cliente tipo che mi contatta più spesso è una famiglia composta da un papà, una mamma e i loro figli piccoli che spesso si trovano in una situazione di muffa e in affitto.

E proprio qui sorge il problema.

Non essendo i padroni di casa non possono fare interventi “importanti” e spesse volte si arrangiano con quello che trovano.

La prima cosa che si usa ovviamente è la candeggina, seguita dal famigerato “spruzzino antimuffa” del supermercato.

Ma la muffa non se ne va, anzi torna più nera di prima.

Se risolvi definitivamente il problema, muffa e affitto non saranno più un problema per te.

Se sei un padrone di casa, eliminando la muffa, salverai la salute dei tuoi inquilini (che abitano la tua casa) e il tuo portafoglio.

Come sono riuscito ad aiutare questo padrone di casa a vincere la sua battaglia contro la muffa che minava i suoi interessi?

Andiamo per step.

Analisi del problema: muffa e affitto sono ancora una minaccia.

Step1: invio foto del problema

Queste foto mi sono state inviate da un padrone di casa.
Le foto mi sono parse subito molto gravi.

muffa su parete
Quanta muffa!

La storia inizia a fine 2014 quando un nuovo inquilino entra in questa casa.

Finora la casa si era mantenuta in buone condizioni e senza muffa.

Con l’ultimo inquilino qualcosa cambia perché nel giro di un inverno la situazione precipita.

muffa dietro all'armadio
Ebbene si, quella che vedi è proprio muffa VERDE della peggiore specie.

Nemmeno io so spiegarmi come si possa arrivare a tanto e come sia vivere in un ambiente del genere.

Ma andiamo avanti!

Questa è una parete liberata da un armadio che la soffocava.

dettaglio muffa dietro all'armadio
Davvero terribile questa muffa!

Il vero “dramma” per un padrone di casa è il costo per sistemare un problema così importante.
Serviranno almeno quattro diversi principi attivi, da applicare nella giusta sequenza, quantità e collocazione.

In poche parole, tutto quanto fa parte del sistema Bastamuffa.

Se c’è una cosa che NESSUN padrone di casa vorrebbe fare è spendere centinaia di euro in lavori di manutenzione straordinaria per una casa in affitto e men che meno, per colpa della muffa.

Peccato!

Sarebbe bastato intervenire prontamente ai primi accenni di muffa e il problema non si sarebbe “allargato”, causando danni a cose (in questo caso all’armadio, completamente da buttare) e alla salute delle persone che ci abitano.

Senza contare che su intervento di minore entità (rispetto a quanto visto) anche la spesa sarebbe stata nettamente meno dispendiosa.

A questo punto non ci resta che rimediare al danno muffa e risolvere la situazione visto che un modo fortunatamente esiste, anche per un caso del genere.

Complesso, abbastanza costoso ma con GARANZIA 5 ANNI.

Voglio spiegarti ora in maniera dettagliata come si può risolvere il problema di questa casa.

Step2: interazione BASTAMUFFA e clienti

Grazie alle foto ricevute tramite Whatsapp, il questionario di valutazione compilato e una lunga chiacchierata col padrone di casa ho raccolto tutti gli elementi necessari per ricostruire la storia.

come risolvere il problema di muffa
Compila il questionario di valutazione e ci aiuterai a capire meglio la tua situazione di muffa e a consigliarti al meglio.

Ti ricordo le cose da NON fare

  1. Non usare Candeggina. Ti intossichi, rovini il muro e la muffa molto probabilmente ritornerà
    .
  2. Non grattare con la carta vetrata. Su quella muffa come minimo ti verrebbe una crisi respiratoria e, ancora peggio, ti troveresti le spore di muffa sparse per tutta la casa
    .
  3. Non usare pittura antimuffa. Anche se pulisci e imbianchi con una pittura antimuffa, il muro rimane comunque freddo e l’inverno successivo la muffa si riformerà tale e quale. Provare per credere!
    .
  4. Non tenere sempre chiuse le finestre in inverno. Una scarsa areazione cause disastri tipo quelli che hai appena visto in foto. E poi vivere in un ambiente senza ricircolo d’aria non fa bene alla salute.
    .
  5. Non rivestire le pareti colpite da muffa con pannelli isolanti (tipo polistirolo). Il muro non respira più e dietro si forma di tutto. Quando poi l’umidità e condensa superano i limiti, la muffa passa attraverso il pannello.
    .
  6. Non sottovalutare il problema. “Tanto è un puntino, la tengo d’occhio” avrai pensato. Poi ti sfugge di mano e rimediare diventa molto più complicato.
    .
  7. Non sperare di cavartela col fai-da-te. Ci hai già provato una o più volte e non è andata bene. Per risolvere un problema di muffa hai bisogno di un consulente che studi il tuo caso e non di un venditore che deve rifilarti qualcosa che ha in quel negozio.

Ecco cosa fare invece per risolvere un problema del genere?

  1. Con la giusta strategia
  2. Con i prodotti giusti

Step3: Analisi della muffa

Ogni muffa è diversa da un’altra e si sviluppa per svariati motivi.
Analizzarla è la vera svolta!

Conoscere il nemico vuole dire anche sconfiggerlo con più facilità.

Ecco il kit di analisi Bastamuffa

it analisi
Con il kit di Analisi BASTAMUFFA possiamo avere dati relativi alla tua muffa con campioni biologici tramite Piastre Petri e controllo della temperatura e umidità dei tuoi ambienti grazie alla stazione meteo in dotazione nel kit.

Nel Kit di Analisi Bastamuffa trovi anche i quattro campioncini che fanno parte del piano di lavoro, per provare “in piccolo” il trattamento e testarne l’efficacia.

Risolvere il problema con il sistema Bastamuffa: muffa e affitto a breve non saranno più un problema

Step 1: sterminare la muffa esistente

Disinfettare pareti colpite da muffa da incubo senza intossicarsi e diffondere le spore della muffa

Questa, a mio parere, è la fase più critica di tutto il trattamento, come le fondamenta di una casa.

Quando c’è tantissima muffa sui muri, addirittura a rilievo, bisogna prestare la massima attenzione nel maneggiarla.

In pratica si applica un disinfettante liquido atossico a pennello sulla muffa più densa in modo da neutralizzare “il grosso” della muffa.

Il giorno dopo è la volta del nostro fondo antimuffa in crema che riporta (quasi) a bianco e ha un ottimo potere disinfettante.

In pratica si disinfetta per ben due volte con due prodotti diversi.

Disinfettare è importante perchè:

  • è pericoloso inalare spore della muffa e non voglio mettere in pericolo la salute del mio cliente o di chi applicherà i prodotti
  • Per essere sicuri di aver eliminato TUTTE le spore presenti anche nei dintorni (e che non vediamo a occhio nudo).

Se avrai seguito le mie istruzioni riportate sul manuale stampato su carta allegato insieme al trattamento, respirerai finalmente aria pulita.

Step 2: Una volta sterminata la muffa non deve più ricomparire.

Come fare visto la situazione drammatica di questo appartamento?

Dopo aver igienizzato la muffa, serviranno altre 2 fasi:

  1. Fondo termico ad alto isolamento
  2. Finitura anticondensa

Dove si forma la muffa, solitamente, c’è uno sbalzo termico.
L’entità della muffa dipende soprattutto da quanto grave è questo sbalzo termico

Nel nostro caso specifico, dietro all’armadio, quel muro potrebbe essere più freddo rispetto al resto della stanza di almeno 3°C.

Da qui sorge l’esigenza di creare un rivestimento TRASPIRANTE e TERMOISOLANTE che prevenga una volta per tutte il problema condensa sul nascere, rendendo i muri esterni meno freddi e più isolati.

Perché bisogna applicare la finitura termica in tutta la stanza, anche dove non c’è problema?

Ti rispondo subito e mi aiuto con un esempio.

Immagina un thermos.

thermos

E’ un contenitore che grazie ad una struttura particolare mantiene stabile la temperatura del liquido che contiente (caldo o freddo che sia).

Il thermos non ha nessun potere riscaldante o raffreddante.

Il suo compito è solo quello di mantenere la temperatura stabile.

Immagina cosa può succedere se si apre il coperchio del thermos.

Ovviamente nel giro di pochi minuti il liquido caldo diventa freddo, e viceversa.

Torniamo alla nostra stanza con muffa.

La tua camera deve essere come il thermos dell’esempio.

Isolando tutte le pareti e con particolare attenzione a quelle esterne e il soffitto, avremo realizzato un “contenitore” ermetico isolato che manterrà la temperatura, proprio come il thermos.

Cosa succede se in inverno tieni aperte le finestre? Si disperde il riscaldamento. E’ ovvio.

La stessa cosa accade se quando usi le pitture termiche ti fermi a una o due pareti e non pitturi il soffitto.

In pratica stai sprecando il prodotto che in questo modo avrà un potere nettamente inferiore.

ll problema muffa è risolto per sempre: muffa e affitto non sono più una minaccia per il padrone di casa

La muffa viene messa ko.

Alla luce di questa storia non mi resta che darti un consiglio.
Non intervenire solo quando la situazione è drammatica.

Rimandare dall’inverno alla primavera e poi dalla primavera all’estate e dall’estate all’autunno è solo una perdita di tempo e denaro.

Se sei padrone di casa e l’inquilino ti segnala i primi puntini di muffa, non mandarlo a quel paese o non pensare che sia solo colpa sua perchè non apre le finestre.

Vademecum del padrone di casa perfetto

Ecco le regole per garantire un buon rapporto con il tuo inquilino e salvaguardare la tua proprietà e non perdere i tuoi guadagni.

REGOLA 1
Se l’inquilino ti segnala i primi puntini di muffa, non mandarlo a quel paese o non pensare che sia solo colpa sua perchè non apre le finestre.
Il poverino non ha colpe se i muri esterni non sono coibentati e sono freddissimi in inverno.

REGOLA 2
Fornisci sempre all’inquilino i prodotti necessari per il primo intervento, per non ridursi in primavera a dover pitturare nuovamente casa.

REGOLA 3
Non lo mettere mai in condizione di lamentarsi col rischio del ricatto di non pagare l’affitto per colpa della muffa (succede molto spesso!).

Troppe volte ho ascoltato queste storie e sono nati conflitti fra le due parti.

Se intervieni in tempo e giochi un minimo di anticipo non dovrai investire un capitale per risolvere il problema.

Se ti riduci però all’ultimo, solo di fronte ad un problema ormai gravissimo, le ripercussioni sul lato economico e di tempo non mancheranno, purtroppo.

Il lavoro di BASTAMUFFA

Il lavoro di Bastamuffa è quello di dare assistenza a chi ha problemi di muffa, con una valutazione gratuita e senza impegno di acquisto, fornita a chiunque la richieda.

aiuto per combattere la muffa

Se hai un problema di muffa non esitare a contattarmi, potrai contare sulla mia esperienza e professionalità.
Per mettere ko la muffa, una volta per tutte e per sempre.

A presto,

Giuseppe Tringali
Giuseppe Tringali - Bastamuffa.com

Giuseppe Tringali - Bastamuffa.com

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su