Muffa sulle pareti? Ponti termici e inadeguato isolamento ne sono responsabili

Muffa sulle pareti

Una mancata o insufficiente coibentazione può formare muffa sulle pareti. Isola e migliora il comfort della tua casa eliminando pure la muffa

Mille modi differenti per rappresentarsi chiaramente negli ambienti dove vivi: la muffa sulle pareti è il primo posto dove la puoi notare.
Sotto forma di puntini più o meno grandi e fitti, macchie oppure strisciate più o meno evidenti e marcate di nero carbone.

Tutte queste rappresentazioni della muffa evidenziano il netto confine tra una zona isolata e una NON, dove c’è chiaramente un ponte termico.

siamo operativi

Il ponte termico e la muffa sulle pareti

Il ponte termico crea uno sbalzo termico tale da permettere alle spore della muffa di trovare proprio lì, le condizioni per svilupparsi.
Traggono vantaggio dalla temperatura e dall’umidità presenti in quel punto “critico”.

Lo puoi scovare principalmente nelle zone rivolte verso l’esterno e soprattutto in quelle:

  • tra parete e soffitto,
  • attorno agli infissi delle finestre
  • dove ci sono pilastri interni che danno sull’esterno.

Tanto più risulta netto il “disegno della muffa”, tanto più marcato sarà il ponte termico in quella zona.
Lo sbalzo termico in queste zone della stessa parete può addirittura arrivare ad una differenza di 5°c!

Dove c’è il ponte termico e la mancanza del materiale isolante è totale o insufficiente, la muffa sembra quasi segnata con il righello, tanto è perfetta.
La zona con muffa è anche più fredda rispetto ad altre. 

Il fatto stesso che ci sia la muffa, ponte termico o no, ti obbliga comunque ad agire per eliminarla il prima possibile.
Se poi oltre ad eliminare la muffa, ne giova anche l’ambiente abitativo che risulta più sano e salubre per te e la tua famiglia, tanto meglio 😉

La termografia, lo strumento che misura il ponte termico

I tecnici riescono con strumentazioni particolari e molto costose come la termografia a riconoscere i ponti termici.
Valori numerici che indicano temperatura, umidità interna ed esterna, punto di rugiada e altro ancora con colorazioni differenti a seconda dei punti selezionati: questo sta alla base di una perizia termografica.

Con la termografia si può vedere come nella stessa parete ci possano essere zone a calore differenziate: alcune più calde e altre più fredde.
Queste ultime indicano dove si trova il ponte termico e l’entità dello stesso.

termografia per vedere dove si può formare la muffa sulle pareti
Esempio di termografia su una parete

 

Anche senza un’indagine termografica costosa e super tecnica, puoi riconoscere se in un punto qualsiasi dei tuoi ambienti c’è un ponte termico.

Dove hai il dubbio, appoggia la mano e senti come quella zona rispetto ad altre risulti più fredda e umida.
Proprio nel punto esatto dove puoi avere queste sensazioni, lì, puoi percepire uno sbalzo termico e ci sarà quasi sicuramente un ponte termico.

Questo non è un metodo empirico di misurazione ma il freddo lo puoi sentire anche tu 😉 !

Altro indicatore del ponte termico è la presenza di muffa.
Proprio in
punti più freddi le spore della muffa si moltiplicano, crescono di dimensioni fino a rendersi visibili con puntini, macchie e angoli neri.

L’umidità, fattore cruciale per lo sviluppo di muffa sulle pareti

L’umidità è la quantità di acqua o vapore acqueo presente in un ambiente.

Hai presente quando d’inverno trovi delle goccioline che scendono dai vetri, bagnando pure a terra? 

Quelle goccioline di acqua, sono il fenomeno visibile della condensa causata da un’eccessiva umidità presente nell’aria, quando questa va a contatto con una superficie più fredda ( i vetri)

condensa su vetro


Anche molte delle nostre attività quotidiane producono vapore acqueo che a loro volta possono provocare la condensa.

Una semplice doccia di cinque minuti o cucinare il tuo piatto preferito è sufficiente per rilasciare vapore acqueo.
S
tendere in casa biancheria bagnata in inverno e avere molte piante all’interno di casa, può contribuire.

Anche il respiro produce vapore acqueo ecco perché è importante arieggiare spesso durante la giornata, anche solo per pochi minuti nel periodo invernale.

Talvolta però il solo arieggiare può non bastare 🙁

Quando vivi in una situazione dove l’umidità di un ambiente risulta molto elevata, puoi ricorrere ai deumidificatori, in grado di “catturare” meccanicamente l’eccesso raccogliendola sotto forma di acqua.
Ma solo ne non c’è muffa!

Avere muffa sulle pareti e azionare un meccanismo che “smuove” l’aria, potrebbe generare una veicolazione con il rischio di contaminazione di spore nella stessa stanza o peggio ancora nella casa stessa.

Il tasso di umidità un dettaglio importante per evitare la muffa

L’umidità può essere:

  1. percepita seguita cioè solo dalle nostre sensazioni e percezioni
  2. dimostrata tramite strumenti come gli igrometri che forniscono informazioni con valori specifici .

Con l’igrometro puoi sapere esattamente il tasso di umidità degli ambienti della tua casa con valori numerici espressi in percentuale.

Un tasso di umidità corretto, sotto controllo e che ti permette di vivere bene nei tuoi ambienti, ha un valore compreso tra il 40% e il 55%.
Quando gli indicatori dell’umidità si discostano da questi di riferimento, possono incorrere problematiche alla salute.

Valori che superano il 60% di umidità contribuiscono allo sviluppo della muffa sulle pareti e un pò ovunque, fino ad infestare l’ambiente con le sue spore, così come l’aria che respiri. 

Infatti in questa situazione le spore della muffa si rendono visibili con vere e proprie colonie: dai piccoli puntini neri sulle pareti a zone annerite ben più estese.

Le spore della muffa soprattutto se presenti in alte concentrazioni, possono causare problematiche di salute quando entrano in contatto con il nostro organismo.
Con danni ben peggiori se si tratta di bambini, anziani e malati con malattie pregresse.

Anche un tasso di umidità inferiore a quello ottimale causa danni, come infiammazioni e problemi respiratori.

Ecco perché misurare il tasso di umidità della tua casa risulta un indicatore importante per conoscere meglio il nostro nemico, la muffa.

Nel Kit di Analisi Bastamuffa è stata messa apposta una stazione meteo completa, con igrometro.

igrometro
Igrometro presente nel kit analisi Bastamuffa

Il kit di analisi per sapere tutto sulla muffa e per poterla eliminare definitivamente

E nel kit di analisi oltre all’igrometro, ci sono ben altri strumenti in dotazione e fondamentali per analizzare la tua muffa.Prime fra tutti, le piastre di Petri.
Si tratta di barattolini di plastica con all’interno un terreno nutritivo per far crescere le muffe.

piastre Petri e muffa sulle pareti

 

Se negli ambienti dove vai a ricercarle ci sono, si renderanno visibili tramite le piastre sotto forma di puntini più o meno grandi e marcati, a seconda della gravità della tua situazione specifica.

Spesse volte colonie di muffe nelle piastre Petri compaiono anche in ambienti dove la muffa non è ancora visibile perchè magari ancora nascosta.

Nel kit di analisi ne hai a disposizione ben 4.
Con le piastre Petri puoi fare i campionamenti previsti e dopo 7 gg ci sarà un risultato visibile nella piastra.

Altro spetto fondamentale del kit analisi sono i campioncini dei prodotti del trattamento Bastamuffa da annusare, testare, provare in un piccolo angolino di 30/50 cm2 di muffa.

Sapere l’entità della tua muffa e vedere come funziona attivamente il trattamento Bastamuffa sulla tua muffa ti aiuterà nella proiezione del lavoro da fare.
Un tecnico a te dedicato si impegnerà nella stesura del piano di lavoro su misura per te per eliminare la muffa per sempre.

kit analisi
Se vuoi saperne di più o vuoi acquistarlo, clicca qui: KIT ANALISI

 

Bastamuffa è la soluzione per coibentare e dimenticare per sempre la muffa sulle pareti

Risolvere il ponte termico è un’impresa tutt’altro che facile.
Cosa fare quindi?

La parola d’ordine è coibentare!

Un’attenta analisi sulla contaminazione della muffa con il kit analisi Bastamuffa , fornisce già risultati paragonabili ad una perizia tecnica.
Con un vantaggio in più: poter testare anche i prodotti del trattamento sulla tua muffa e valutarne così gli effetti.

aiuto per combattere la muffa sulle pareti

Sono Giuseppe Tringali fondatore di Bastamuffa.
Di muffe ne ho viste davvero tante e di tutte i colori in più di 10 anni di esperienza nel settore e dal 2015 con Bastamuffa 😉

Affidami la tua muffa e insieme risolviamo definitivamente il problema 🙂
La promessa di Bastamuffa è di eliminare il problema della muffa con un trattamento garantito 5 anni.

garanzia 5 anni

Avrai così a tua disposizione:

  1. assistenza clienti a tua disposizione al numero whatsapp 3407792870 per risolvere dubbi e domande su quanto riguarda la muffa e la tua situazione specifica;
  2. kit pronti all’uso con quanto serve per procedere in autonomia senza perdere più tempo inutile per analizzare la tua muffa o per cominciare a igienizzare;
  3. un tecnico a tua disposizione per tutta la durata delle analisi, della stesura de piano di lavoro e durante la posa dei materiali;
  4. un trattamento su misura e calibrato sulla tua situazione specifica e sulle tue esigenze;
  5. garanzia di 5 anni per tutta la durata prevista entro cui potersi appellare in caso di ritorno della muffa e per qualsiasi esigenza possa incorrere anche dopo 😉

La prima operazione da fare contro la muffa è sicuramente quella di igienizzare con prodotti adatti che inibiscano le spore, la loro diffusione e il loro attacco sulle superfici.
Per questo c’è il kit igiene muffa 

Kit igiene muffa con igienizzante naturale

Il kit igiene muffa è tutto quanto possa servire per igienizzare con prodotti naturali, senza intossicarti e in totale sicurezza, soprattutto se hai bambini 😉

Il protagonista è Muffamed silver: un liquido a marchio vegan che utilizza principi naturali con l’aggiunta di ioni di argento, da sempre considerati efficaci alleati con azione antimicrobica.

Elimina anche gli odori tipici della muffa, per un ambiente perfettamente igienizzato e senza prodotti tossici.
E se consideri il rischio tossico dato dall’azione delle micotossine della muffa e di prodotti chimici per eliminarle, la tua salute e quella della tua famiglia sono davvero salve.

Nel kit trovi anche:

  • un pennello per l’applicazione di Muffamed silver;
  • 2 piastre Petri per campionare l’aria che respiri prima e dopo aver passato Muffamed silver per constatarne l’efficacia igienizzante;
  • campioncini del trattamento Bastamuffa da provare dopo Muffamed silver.
kit igiene muffa
Se vuoi saperne di più o vuoi acquistarlo, clicca qui: KIT IGIENE MUFFA

 

Richiedi la VALUTAZIONE GRATUITA DELLA MUFFA, senza impegno

Soli 4 passaggi che ti porteranno via la massimo 10 minuti del tuo tempo, per richiedere la valutazione della muffa.
Il sistema rapido e gratuito per “affidarci” la tua muffa e capire come procedere, per eliminarla una volta per tutte.

Eccoli evidenziati:

  1. compila il questionario di valutazione online e invialo;
  2. fai foto alla tua muffa;
  3. inviale al numero whatsapp 3407792870
  4. attendi il messaggio di un assistente Bastamuffa per fissare un appuntamento telefonico.

In questo modo tra la valutazione visiva delle foto, i dati del questionario di valutazione e gli ulteriori dettagli che si aggiungeranno nel corso dell’appuntamento telefonico, creeremo la storia della tua muffa.

Conoscere la situazione specifica di ognuno aiuta entrambi a trovare la soluzione ad hoc per poter stendere poi il piano di lavoro Bastamuffa garantito.

valutazione muffa


PIANO DI LAVORO BASTAMUFFA

Dopo aver fatto le dovute analisi, il tecnico Bastamuffa mette a punto il piano di lavoro operativo delle fasi del trattamento.

Le fasi sono principalmente due:

  1. igienizzante.
    Solo dove c’è muffa si utilizzano prodotti atossici ma efficaci affinchè le spore della muffa vengano distrutte.
  2. termica.
    La finalità è di risolvere quelli che sono i ponti termici nelle zone più fredde dei tuoi ambienti, avere calore uniforme e prevenire nuove riformazioni di muffa.

Il risultato finale del trattamento Bastamuffa?

Niente più muffa, gli ambienti risultano più caldi e perfettamente climatizzati grazie alla coibentazione eseguita.

Ora sai che è possibile risolvere il problema della muffa.
Risolvi in maniera sicura e definitiva anche tu 😉

Muffa sulle pareti? Ponti termici e inadeguato isolamento ne sono responsabili

A presto,

Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su