Pittura anticondensa contro pittura antimuffa: chi la spunterà?

Quando la tecnologia va avanti, l’innovazione porta a prodotti nuovi sul mercato sempre più performanti.
Negli ultimi anni, sviluppi in campo edilizio e nella coibentazione abitativa, hanno puntato su un prodotto che va al di là della semplice mano di vernice per rinfrescare gli ambienti: la pittura anticondensa.

Sembra infatti che l’azione anticondensa, prevenga lo sviluppo stesso della muffa.
Ma di pari passo, continuano ancora oggi a circolare nei brico e colorifici, vernici come le antimuffa, da sempre utilizzate nelle imbiancature se in casa c’era la muffa.

E così, davanti a questo bivio, ti fermi e ti chiedi: “Contro la muffa, quale pittura tra antimuffa o anticondensa funzionerà meglio per eliminare il problema?

Vediamo di fare un pò di chiarezza 😉


Il problema da risolvere: la muffa in casa

La muffa in casa è un problema che può capitare a chiunque.
Alcune “regole di vita” possono aiutarti nella prevenzione della muffa come arieggiare, deumidificare, azionare l’aria forzata negli ambienti chiusi e la cappa aspirante quando cucini.

Il più delle volte questi suggerimenti li segui già alla lettera perchè facilmente adottabili  e costa veramente poca fatica compierli.
Ma nonostante tutto, la muffa compare lo stesso. Perchè?

La muffa è un organismo vivente che cresce e si sviluppa quando e se si presentano determinate condizioni.

Spesse volte il problema della muffa riguarda le dispersioni termiche derivanti da una mancata o insufficiente coibentazione degli ambienti abitativi e i ponti termici esistenti.
Ecco perchè il solo arieggiare non basta!

Sono questioni che influenzano molto lo sviluppo della muffa e per questo, vanno risolte con opere strutturali di ripristino o ristrutturazioni mirate all’isolamento termico, piuttosto onerose da sostenere.

Ma c’è un modo per eliminare la muffa in maniera semplice e non troppo dispendiosa, senza fare ristrutturazioni importanti?
I metodi conosciuti sono le pitturazioni domestiche con azione anti muffa.

Nettamente meno costose dei pannelli isolanti dei cappotti termici, si applicano in completa autonomia o da imbianchini che lo fanno per te.
Rinfrescano gli ambienti con la muffa e tutto ritorna bianco, fino a quando ricompare 🙁

Pittura anticondensa Vs antimuffa


pittura termoisolante


Si è sempre cercata una soluzione per debellare la muffa e tenerla lontana dalle case il più possibile: prima con le antimuffa, ora con le pitture isolanti anticondensa.

Tutt’oggi è ancora battaglia aperta tra le due.
Quale sia la più efficace contro la muffa è ancora un mistero.

Analizziamo le caratteristiche di entrambe e vedremo chi la spunterà 😉


Vernice antimuffa

L’antimuffa è in commercio da oltre trent’anni.
Ovunque vai nei brico, colorifici addirittura nei supermercati, non può mancare.

In primavera poi, piovono offerte di tutti i tipi perchè è buona abitudine imbiancare e “rinfrescare” tutte le stanze della casa.
Ma che lavoraccio, tutte le volte! Spostare mobili, credenze, letti, in virtù della pulizia dalla muffa!

Cambiano i principi attivi da marca a marca, ma tutti utilizzano biocidi, più o meno tossici e aggressivi per tentare di eliminare la muffa.
Il componente più diffuso è l’ipoclorito di sodio, un derivato chimico del cloro, molto simile alla candeggina.

Il principio su cui si basa la pittura antimuffa consiste nell’annientare con biocidi ad azione anche fungicida, tutto quanto di vivente ci sia nei tuoi muri.
Peccato però che i biocidi agiscano SOLO a livello superficiale e le spore della muffa radicate nel muro, sopravvivendo all’attacco dell’antimuffa, alla prima occasione si risviluppano.

E il circolo vizioso riprende e così anche la schiavitù dalla muffa che sembra non avere rimedi efficaci, visto che le pitture antimuffa che dovrebbero risolvere tutti i tuoi problemi, di fatto, non lo fanno ;(

Pittura anticondensa e termica

Scoperte recentemente rispetto alle antimuffa, le pitture anticondensa sono in commercio da circa una decina di anni.
I principi attivi che vengono utilizzati sono sempre più nuovi e innovativi, basati su ricerche scientifiche.

La funzione anticondensa nelle vernici è una novità che prima non esisteva, quando il solo e unico obiettivo delle antimuffa, era di distruggere il nemico (la muffa) con ogni mezzo.

L’idropittura anticondensa agisce invece sulle cause che determinano la comparsa della muffa.

Questo tipo di pittura mira a risolvere il problema della coibentazione domestica, uniformando la temperatura e l’umidità degli ambienti domestici, evitando alla condensa e di conseguenza anche alla muffa, di formarsi.

L’utilizzo di queste vernici si può sostituire a interventi più complessi, come il cappotto termico interno a pannelli, con risultati molto buoni.
Ma c’è pittura e pittura: non tutte possono risolvere davvero il TUO problema di muffa!

Questo perché ogni caso è differente e troppi sono i fattori determinanti, nella formazione della muffa.
Ricercare quali sono, è l’obiettivo di Bastamuffa 🙂

Con il kit di analisi è possibile capirlo.
Tutto è racchiuso in un cofanetto, con dentro tutto quanto serve per fare le analisi, in completa autonomia.

Entro 8 giorni il risultato verrà interpretato da un tecnico Bastamuffa, il quale creerà sulla base dei riscontri rilevati, il “piano su misura per te” garantito, contro la muffa.

Scopri approfondimento → kit di analisi,

PRIMA

DOPO

Vuoi scoprire se puoi liberarti una volta per tutte della muffa sui tuoi muri?

Questo Kit di auto analisi te lo rivela.

Scopri quanto è grave la situazione di muffa!



CONCLUSIONE

Ora sai che rispetto alle antimuffa, le vernici anticondensa hanno un’azione più mirata contro la muffa.
Nonostante questo, senza la ricerca delle cause che formano la muffa, puoi non risolvere definitivamente il problema.

Ma “tentare la sorte” con una qualsiasi pittura termica anticondensa può costarti tempo, fatica e denaro inutili.
Io sono disposto ad aiutarti in questa impresa. E tu cosa aspetti?

A presto,
Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali
Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su