Muffa bianca: come riconoscerla rispetto alle efflorescenze della risalita dal terreno

Siamo soliti concepire la muffa come quell’insieme di puntini e macchie verde scuro o nere carbone che “colorano” le pareti di casa.
Avresti mai pensato all’esistenza di una muffa bianca?

Eppure al di là del colore con cui si rappresenta sui muri o sulle superfici, è pur sempre muffa!

Il fatto che riesca addirittura a mimetizzarsi è un’arma in più di cui dispone per svilupparsi e indisturbata proseguire la “colonizzazione” dei tuoi ambienti.

Ecco che arrivare a riconoscerla tra le altre problematiche presenti comunemente nelle abitazioni, ti permetterà di sconfiggerla una volta per tutte e di non farla tornare più.

Un vita senza muffa è ormai vicina!

Muffa nera o bianca: quale è più pericolosa?

Entrambe, in quanto muffa, compiono le medesime azioni come:

  • nutrirsi di sostanze organiche che trovano sulle superfici;
  • attaccarsi e contaminare superfici adatte allo sviluppo;;
  • riprodursi tramite le spore;

Un vero e proprio circolo vizioso che, senza intoppi o senza una soluzione risolutiva, diventa senza fine.

La muffa genera altra muffa.

Andare a togliere SOLO la parte visibile e superficiale della muffa non significa eliminarla per sempre, purtroppo.

Ecco perchè ritorna!

Per risolvere definitivamente occorrerà agire sulle cause che formano la muffa, solo così la muffa non avanzerà più e potrà dirsi sconfitta per sempre.

Muffa nera: lo Stachybotrys cartharum

Una delle muffe nere più temute e dannose per la salute dell’uomo è lo Stachybotrys cartharum.

E a far paura sono le sue tossine, responsabili di malattie allergiche respiratorie anche molto gravi, quali:

  • rinite,
  • asma,
  • tosse 

Le spore di Stachybotrys cartharum si trovano anche negli ambienti domestici, soprattutto in zone con tassi di umidità molto alti.

Se l’umidità è dovuta ad un’infiltrazione (che può arrivare a sfiorare anche il 90%) tanto meglio.

Le spore di questa specie di muffa possono rimanere latenti e vitali anche per dieci anni, per poi riprendere vita al ritorno delle condizioni ottimali e creare così nuove colonie.

muffa
Come si presentano colonie di Stachybotris charturum su un muro

Muffa bianca

Non è facile ricondurre la muffa bianca ad una specie in particolare (come per la muffa nera)

Molte specie di muffa presenti negli ambienti domestici possono infatti apparire di colore bianco, come quelle di Aspergillus, Cladosporium e Penicillum.

Alcuni ceppi di muffa possono apparire prima di colore bianco per poi cambiare colore diventando verdi, grigi e infine neri.
Molto dipende dal tipo di materiale su cui le spore crescono.

In particolare, questi ceppi di muffe prediligono il legno come fonte di nutrimento principale, su cui attecchire e produrre spore.

La muffa bianca alla vista appare soprattutto polverosa e può mimetizzarsi con i materiali su cui sta crescendo, rendendo ancora più difficile riconoscerla come muffa.

Spesso viene confusa anche con la comune polvere e quindi spazzata via.
Ma spolverare la muffa può fare danni!

Il guaio peggiore
è la possibilità di creare una contaminazione di spore negli ambienti domestici dovi vivi.
E le spore tossiche della muffa le puoi respirare tu stesso e chi vive con te 🙁 !

muffa bianca su legno
  Colonie visibili di muffa bianca su un mobile

               

A volte la muffa bianca può apparire anche “a rilievo” e soffice come il cotone.
Questo accade quando tieni perfettamente aderente un materiale contro un altro e soprattutto se a risultare attaccate sono superfici come il legno, la plastica o la pelle.

Per il fatto che la muffa bianca (come del resto anche le altre muffe che puoi trovare in casa) risulti dannosa per la salute, è bene provvedere il prima possibile a debellarla, evitandone il ritorno.

Sali da risalita del terreno Vs muffa bianca?

Capire quale tipologia di umidità si presenta nella tua casa è di fondamentale importanza per trovare la soluzione definitiva al problema.

La muffa bianca spesso viene confusa non solo con la polvere ma anche con le efflorescenze biancastre che possono comparire sui muri, tipiche della risalita dal terreno.

Sono da attribuire principalmente all’acqua e ai sali provenienti dal terreno che risalgono lungo le pareti.
Quando l’acqua evapora, rimangono le tracce visibili dei sali cristallizzati sui muri.

La sostanza bianca che puoi riscontrare sui muri, risulta molto simile alla muffa bianca ma non è la stessa cosa.

L’umidità di risalita o risalita dal terreno, è facilmente riconoscibile da tre fattori:

  1. la superficie mostra tipiche efflorescenze, sfarinamento o distacco dell’intonaco;
  2. le tracce possono fermarsi da pochi centimetri sopra lo zoccolino fino a circa un metro di altezza;
  3. “non c’è stagione che tenga”, la puoi riscontrare quindi anche in piena estate.

La risalita dal terreno è responsabile di numerosi danni alle cose e alle murature.
Pensare di cavartela con una mano di pittura e via, non è purtroppo sufficiente.

Per risolvere definitivamente il problema occorrerà affidarsi a dei professionisti, vista la complessità del problema.

Un aspetto da considerare per distinguere la muffa dalla risalita è senz’altro l’odore.

Se nel primo risulta riconducibile ad un odore penetrante da “togliere il fiato”, nell’altro è pressochè inesistente.

Cosa fare una volta identificato il problema?

Una volta sicuro che il problema che ti ritrovi ad avere in casa è davvero riconducibile alla muffa bianca, per eliminarla dovrai:

  1. igienizzare con appositi prodotti che inibiscono le spore della muffa esistenti;
  2. agire sulle cause che la formano, eliminando così il problema per sempre.

Ora sai tutti gli aspetti che si celano dietro alla muffa bianca e come riconoscerla.

L’importante è trattare in maniera specifica ogni tipologia di problema, solo così puoi arrivare a porvi fine.
Puoi cominciare con il richiedere la valutazione gratuita della muffa .


Pochi minuti del tuo tempo per saperne di più sulla muffa e contare sulla mia esperienza, per trovare con te la soluzione più adatta 😉

Elimina la muffa da casa tua una volta per tutte, io sono pronto ad aiutarti!

A presto,
Giuseppe Tringali

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Giuseppe Tringali - Bastamuffa

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su